Come affrontare una paura sociale (parte 1)

Alcune delle nostre paure sono veramente ridicole e nel momento in cui ci sforziamo di uscire dalla nostra zona di comfort, riusciamo a sbarazzarcene molto velocemente. Per le nostre paure più intense, la cosa non è così semplice e dobbiamo affrontare il problema in modo più graduale.

Affrontare le tue paure gradualmente renderà il processo il meno traumatico possibile, ma ti assicuro che ci saranno dei momenti in cui non ti sentirai bene.

Questo significa che dovrai essere fortemente motivato al cambiamento. Molte persone subiscono le proprie paure per anni, ma non fanno assolutamente niente, se non evitare di ritrovarsi nelle situazioni che le spaventano. Nonostante detestino le limitazioni che le loro paure impongono, le preferiscono al duro lavoro per risolverle una volta per tutte.

L’origine della paura

Le paure sociali sono alimentate da credenze che amplificano il pericolo percepito in certe situazioni. Molte persone che soffrono di ansia sociale, hanno anche una vasta gamma di credenze del tipo “Sono un perdente“, “Sbagliare è una cosa terribile“, “La gente mi giudica” e “Ogni interazione sociale è difficile“. Inoltre gestiscono male il nervosismo e pensano che l’ansia sia qualcosa di terribile che debba essere evitata ad ogni costo.

Se provi ad affrontare le tue paure, ma lasci le tue credente negative intatte, non andrai da nessuna parte.

Ti presenterai a qualsiasi appuntamento credendo che si tratti di vita o di morte e se tutto non andrà alla perfezione, secondo i tuoi standard molto poco realistici, tornerai a casa ancora più triste e depresso. Devi imparare a non pensare al fallimento e a provare ad avere una prospettiva più realistica delle cose.

Cambiare il tuo modo di pensare non estirperà magicamente le tue paure. Dovrai comunque affrontarle per riuscirci. Modificare il tuo pensiero e affrontare le tue paure devono essere realizzati assieme: se sei consapevole di quanto i tuoi pensieri distorti alimentano le tue paure, allora potrai affrontarle con uno stato mentale decisamente più sano. Quando inizi ad affrontare le tue paure e ottieni esperienze sociali positive, inizi anche a risanare ulteriormente il tuo modo di pensare. Ti accorgerai molto presto che il tuo vecchio modo di pensare non era poi così affidabile. A questo punto si innescherà un circolo virtuoso, nel quale man mano che avrai successo inizierai anche a pensare alle situazioni sociali in maniera più produttiva, il che permetterà di spingerti oltre i tuoi limiti e di ottenere ulteriori risultati positivi.

Il trucco è affrontare le tue paure un po’ alla volta

In un mondo ideale, saremmo tutti coraggiosi guerrieri con un’infinita riserva di forza di volontà e una incredibile sopportazione al dolore. Nella vita reale le cose non sono così facili. Se una paura ti provoca ansia, è molto difficile che tu riesca a trovare il coraggio per affrontarla di petto. Oppure se riesci a trovare le forze per fare qualcosa che ti provoca disagio una volta o due, non è detto che tu sia in grado di farlo con continuità. Il modo giusto per procedere, consiste in un approccio sistematico.

La terapia corretta per affrontare le tue paure è trattarle come se stessi allenando degli immaginari muscoli del coraggio.

Se sei fuori forma, non puoi semplicemente andare in palestra, caricare alcuni pesi sul bilanciere e sollevare l’equivalente del tuo peso sulla panca. Devi lavorare un po’ alla volta per raggiungere questo risultato. Allo stesso modo, se affronti prima le tue paure minori, rafforzerai abbastanza la tua autostima per poter affrontare quelle più grandi.

Ordina le tue paure in ordine crescente

Ti faccio un esempio: prendiamo una persona che è nervosa di parlare con gli sconosciuti ad una festa. Per aggredire gradualmente questa paura, questa persona dovrà ordinare gerarchicamente i propri timori. Ci sono tantissime sequenze che potrebbero funzionare; una di queste potrebbe essere:

  • Vai ad una festa e sorridi alle persone che incontri.
  • Vai ad una festa e fai domande veloci a qualche invitato.
  • Vai ad una festa e chiedi ad un amico di presentarti agli altri invitati.
  • Vai ad una festa e presentati da solo ad un altro invitato dall’aspetto amichevole.
  • Vai ad una festa e prova ad unirti ad un gruppo di gente amichevole. Non cercare di stupirli e non cercare di parlare troppo. L’idea è semplicemente quella di unirti a loro.
  • Vai ad una festa, unisciti ad un gruppo e cerca di parlare con loro per un po’.
  • Vai ad una festa e parla con qualcuno che ti intimidisce, ma che ti piacerebbe comunque conoscere.

Ci sono molti modi per vivere versioni meno traumatiche delle tue paure

Quando crei la tua lista, ci sono molte varianti che ti permettono di arrivare gradualmente ad affrontare le tue paure:

  • Fai le stesse azioni che ti fanno paura, ma in condizioni più tranquille (per esempio, parla con qualcuno che ti sembra amichevole).
  • Fai le stesse azioni che ti fanno paura, ma per poco tempo alla volta (ad esempio, chiedi informazioni a qualcuno e usa una scusa per andartene in fretta).
  • Fai qualcosa di diverso e di più semplice rispetto a ciò che ti fa paura, ma che ti provoca le stesse sensazioni (ad esempio, invece di chiacchierare con degli sconosciuti ad una festa, parla con i commessi dei negozi o chiedi indicazioni ai passanti).
  • Fai le stesse cose che ti fanno paura, ma in ambienti controllati e artificiali. Per esempio, esercitati a casa a parlare allo specchio.
  • Se hai veramente paura di qualcosa, il primo passo potrebbe semplicemente essere quello di immaginare di rivivere quella sensazione o guardare una foto che ti ricorda quell’esperienza.

Diversi tipi di paura devono essere affrontate in modo diverso

Le paure sociali possono essere categorizzate in base a come devono essere affrontate.

  • Alcune paure riguardano situazioni particolari, come feste o discoteche. In questi casi, il tuo obiettivo per ciascuna delle sessioni di guarigione consiste nel riprodurre quel genere di situazione. Dovrai cercare di stare il più a lungo possibile finché non ti renderai conto che non ti succede niente di male.
  • Altre paure riguardano certi tipi di interazioni, come fare conversazione, parlare con gli sconosciuti o invitare qualcuno ad uscire. Mantieni brevi le interazioni, così che in ogni sessione di allenamento potrai cercare di farne il maggior numero possibile. La prima conversazione che farai potrà essere un disastro, ma dopo una settima sarà molto meglio.

Nella seconda parte di questo articolo ti parlerò di come affrontare correttamente il percorso che hai definito in modo da non fermarti alla prima difficoltà e continuare ad andare avanti fino alla fine.

Firma Marco Lombardo

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.3/5 (4 votes cast)
Come affrontare una paura sociale (parte 1), 4.3 out of 5 based on 4 ratings

Un commento riguardo “Come affrontare una paura sociale (parte 1)

  1. Buon uso dell’italiano.
    Le 4 versioni delle paure alla fine si possono ridurre a due: circostanza e durata.
    Ottima creazione di suspance.

    😉

Rispondi