Autostima: come svilupparla al massimo (parte 3)

Il primo passo per relazionarsi in maniera efficace con gli altri è quello di stare bene con te stesso e avere un’autostima a prova di bomba. Ti capiterà spesso di sbagliare e di sentirti dire di no. Per questo motivo, se sei consapevole del tuo valore, non dovrai temere niente e nessuno e sarai in grado di tornare in sella dopo ogni tentativo sbagliato che farai.

Nel primo articolo ti ho detto come migliorare il tuo aspetto per guadagnare sicurezza, nel secondo articolo ti ho raccontato come farti notare per aumentare al massimo la tua autostima. Adesso ti darò qualche dritta per cambiare il tuo pensiero e tirare fuori il meglio che è in te.

Il passato è passato

Dimentica ogni critica non costruttiva o insulto, che hai ricevuto in passato. L’opinione che hai di te stesso è la più importante di tutte, perché solo tu ti conosci davvero. Tutti siamo stati feriti da qualcuno in passato. È importante non legarci troppo a questi abusi e non permettere che continuino a ferirci anche dopo molto tempo, perché significherebbe solo far vincere chi voleva farci del male. Se lasci andare il passato, allora sarai tu ad uscirne vincitore.

Valorizza i tuoi aspetti positivi

Di’ a te stesso che sei una persona meravigliosa, che merita di essere felice. Fai una lista di cose che ti piacciono di te e ripetile più che puoi. Ripetile alla mattina quando ti svegli e alla sera prima di andare a dormire. Insomma, fatti mille complimenti. Invece di ripetere “Ho sbagliato questo e quest’altro, sono inutile, non sono amabile“, di’ a te stesso cosa sei veramente e cioè una persona straordinaria. Rimarrai stupido dagli effetti di questo esercizio.

Se hai fatto errori che ti impediscono di credere che meriti la felicità, fai qualcosa per eliminare questi sensi di colpa. Scusati con chi di dovere (se possibile), ma soprattutto perdonati.

Procedi a piccoli passi

Fai piccoli passi progressivi per trovare la sicurezza necessaria per prendere decisioni. Mano a mano che diventerai sempre più abile nel compiere le scelte giuste, guadagnerai sicurezza in te stesso e nelle tua capacità.

Per esempio, se comprare dei pantaloni ti rende ansioso a causa della gran quantità di marche, colori, stili e taglie, segui il tuo istinto. Fidati di te stesso. E se in seguito credi di aver fatto una scelta sbagliata, puoi sempre riportare i pantaloni al negozio.

Non farti mettere i piedi in testa da nessuno

È bello essere considerati dagli altri, ma pensaci bene prima di diventare uno zerbino al servizio degli altri. Non farti usare da nessuno, per nessun motivo.

Sii te stesso

Non cercare di copiare gli altri, ma valorizza la tua unicità. Cerca di fare il meglio che puoi e non ti criticare troppo se non sarai sempre in grado di soddisfare le tue aspettative, ma soprattutto, evita di cambiare le tue idee e credenze più profonde solo per cercare di essere simpatico e uniformarti agli altri.

Evita le persone negative

Alcune persone hanno un’indole negativa che può fare male agli altri. Una persona deprimente, ad esempio, potrebbe rendere molto tristi la gente con cui entra in contatto. Ricorda che in un gruppo, si tende ad assumere tutti il livello di autostima più basso presente.

Affronta le paure e impara dagli sbagli

Ricorda che il fallimento esiste solo quando non si apprende dai propri sbagli. In tutti gli altri casi si tratta di normale esperienza. Quando qualcosa non va come volevi, c’è sicuramente qualcosa da imparare che può essere usato la prossima volta ci ti trovi in una situazione simile. Alzati in piedi e riprova!

Non ti preoccupare di essere perfetto

Puntare alla perfezione è una causa persa. Nessuno è mai perfetto agli occhi altrui. Non sforzarti di essere IL migliore, ma cerca semplicemente di essere migliore di quanto sei adesso. Non smettere di cercare di migliorare te stesso, ma non essere ossessionato dalla perfezione perché è una condizione impossibile da raggiungere.

Premiati quando hai successo

La nostra educazione (soprattutto quella scolastica) ci porta a dire a noi stessi che dobbiamo essere puniti quando sbagliamo, ma non siamo capaci di ricompensarci allo stesso modo quando facciamo la cosa giusta. Valorizza i piccoli e grandi traguardi che ottieni, e accetta di buon grado i complimenti che ti vengono fatti.

Prendi l’abitudine a premiare te stesso grazie a questo utile esercizio. Prima di andare a dormire, ogni sera, elenca almeno tre eventi della tua giornata di cui sei fiero. La maggior parte delle volte non saranno eventi straordinari, ma vanno bene anche cose del tipo “Oggi ho mangiato le verdure a pranzo“, oppure “Oggi ho salutato il mio vicino in ascensore“. Dopo aver elencato questi tre eventi, complimentati con te stesso per la buona giornata che hai avuto.

Firma Marco Lombardo

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.8/5 (9 votes cast)
Autostima: come svilupparla al massimo (parte 3), 4.8 out of 5 based on 9 ratings

Rispondi