Fatti valere grazie agli esercizi di assertività (parte 2)

Fatti valere grazie agli esercizi di assertività (parte 2)

Nella prima parte di questo articolo abbiamo parlato di che cosa effettivamente significhi essere assertivi, quali siano i benefici di questo modo di comportarsi e che cosa contraddistingue una persona assertiva da una passiva.

Oggi approfondiamo l’argomento e vediamo come puoi aumentare la tua assertività grazie ad una serie di utili esercizi e tecniche pratiche.

Fai valere i tuoi bisogni e le tue opinioni

Uno dei motivi per cui le persone non sono assertive è il fatto che nel profondo sono convinte che non valga la pena di far valere i propri diritti. Allo stesso modo, non credono abbastanza nei propri valori ed opinioni e quindi permettono agli altri di oscurarli (ad esempio non ti piacciono le discoteche, ma ti sei convinto che sei strano ed anti-sociale se non ci vai quindi lasci che i tuoi amici ti coinvolgano per andarci).

Come puoi sviluppare una mentalità per cui i tuoi bisogni e le tue opinioni sono validi e meritano di essere difesi?

  • Migliora la tua autostima.
  • Fai pratica e cerca di mettere i tuoi valori al primo posto. Pratica attività divertenti che importano solamente a te. Parla senza vergogna di interessi che ti appassionano, ma che agli altri possono sembrare stupidi o inutili. Se non sei abituato a farlo, potresti sentirti colpevole o egocentrico all’inizio, ma con la pratica risulterà più naturale.
  • Stila una lista di tuoi bisogni e diritti personali.

Metti in discussione le tue credenze e le tue paure su ciò che vuol dire essere assertivi

La seconda ragione per cui le persone hanno problemi ad essere assertivi è il fatto che hanno una idea sbagliata di che cosa questo significhi.

  • Essere assertivi significa essere egoisti” – Essere assertivi significa dare la giusta priorità e far valere i tuoi bisogni in modo sano. Non vuol dire che devi diventare un dittatore che non lascia spazio per ciò che pensano gli altri.
  • Essere assertivi significa essere arroganti e prepotenti” – Imporre la tua volontà sugli altri significa essere aggressivi, non assertivi. La maggior parte della comunicazione assertiva avviene con il sorriso sulle labbra. Non devi diventare una persona fredda e meschina.
  • Essere assertivi significa difendersi in continuazione” – Il fatto che tu sappia essere assertivo, non vuol dire che tu lo debba essere sempre. Se qualcuno ti offende in modo marginale e non intenzionale allora è molto più facile lasciar correre.
  • Essere assertivi significa ferire i sentimenti delle persone” – Essere assertivi significa essere diretti, ma questo non vuol dire che devi condividere senza motivo ogni minimo dettaglio. Se un collega ti invita al concerto della sua band, ma a te non piace, un semplice “No, grazie” è tutto ciò di cui hai bisogno di dire.
  • Non piaccio alla gente se sono assertivo” – In generale la gente ammira di più le persone che sanno farsi rispettare piuttosto che quelle che si fanno sempre mettere i piedi in testa.
  • La gente potrebbe reagire male se sono assertivo” – Questo non vuol dire che sia solo colpa tua. Se qualcuno si risente perché non accondiscendi a qualsiasi parola che dice o non riesce a importi su di te, questo è un suo problema.
  • Posso ottenere di più con un atteggiamento più sottomesso” – Alcune persone se lo ripetono spesso, ma nel profondo sanno che questa strategia non funziona. Altre persone sono addirittura convinte che se si sacrificheranno abbastanza, gli altri si accorgeranno di loro e finalmente avranno ciò che si sono meritati. Questo molto spesso non succederà.

Fai pratica ad essere assertivo finché non ti risulterà naturale

Il terzo motivo per cui le persone fanno fatica ad essere assertivi è semplicemente il fatto che può sembrare spaventoso e innaturale all’inizio. È strano comunicare in questo modo nuovo e diverso. Ti preoccupi di ottenere una brutta reazione. Se l’altra persona reagisce, puio sentirti a disagio ad essere in disaccordo.

Così come per tante altre paure, semplicemente rifletterci su non ti porterà molto lontano. Alla fine dovrai affrontarle nella vita reale. Se essere assertivo per te è una grossa sfida, allora dovrai affrontarla gradualmente.

Per abituarsi ad essere assertivi, puoi iniziare a simulare la situazione assieme ad un amico. Puoi iniziare con situazioni che sei in grado di gestire (ad esempio dire al cassiere del supermercato che non sei interessato alla tessera sconti). Dopo che avrai ottenuto qualche piccola vittoria, potrai iniziare con le sfide più impegnative.

Comunica ciò che vuoi in modo sicuro e diretto

Una volta che hai trovato il coraggio di farlo, l’atto di essere assertivo è abbastanza semplice.

Non serve aggiungere troppe spiegazioni e giustificazioni. Per esempio, se sei ad una festa e i tuoi amici vogliono farti bere un altro drink, puoi dire “No grazie, non ho più voglia di bere“. Se sei fuori con un tuo amico e lui passa tutto il tempo a guardare il cellulare, puoi dire qualcosa del tipo “Puoi farlo quando non siamo nel bel mezzo di una conversazione?” Non credere di dover essere esageratamente prepotente. Puoi essere assertivo anche in modo amichevole.

Esprimiti in prima persona

Se stai chiedendo a qualcuno di smettere di fare qualcosa che ti infastidisce, cerca di formulare la frase in modo tale che il messaggio si riferisca a te e ai tuoi sentimenti. È molto meglio che attaccare l’altra persona, altrimenti rischi di metterlo sulla difensiva. Per esempio, se un tuo amico esagera nel prenderti in giro potresti dire qualcosa del tipo “Quando usi i miei difetti per prendermi in giro ferisci i miei sentimenti e mi rendi insicuro. Mi piacerebbe che la smettessi.

La tecnica del disco rotto

Buona parte dello sforzo necessario ad essere assertivi deriva dal fatto che devi mantenere la tua posizione quando le persone ti spingono a ritrattare ciò che hai detto. Alcuni discuteranno, altri ti tormenteranno, metteranno in discussione il tuo carattere, si arrabbieranno, faranno leva sul senso di colpa, minacceranno di non esserti più amici, insisteranno a ripeterti che non hai scelta se non fare ciò che ti dicono. È dura resistere a tutte le tensioni sociali che questa situazione può creare. La tecnica del disco rotto consiste nel ripetere la stessa frase ancora e ancora finché non si arrendono. Non dai loro alcuna possibilità di argomentare ciò che gli dici. Uno dei maggiori vantaggi di questa tecnica è il fatto che non devi fare praticamente niente, semplicemente ripetere ciò che hai già detto.

Immagina una persona assertiva, in grado di far capire il messaggio con un sorriso, ma allo stesso tempo mantenendo un tono di voce fermo e deciso:

“Ti ho preso uno shot, hai bisognio di bere.”
“No grazie, non bevo più stasera.”
“Dai non essere noioso.”
“Ho detto ‘no grazie’, non bevo più stasera”
“Ti ho preso questo shot. Devi berlo. Sarebbe scortese rifiutare.”
“Sentiti libero di berlo tu o di offrirlo a qualcun altro, ma ti ho già detto che non bevo più stasera.”
“Non sei divertente. Stai rovinando la serata.”
“Mi dispiace che tu la viva così, ma ti ho già detto che non bevo più stasera.”
“Che ti costa berne uno solo? Non sapevo fossi così attento alla tua salute.”
“No grazie, ti ho già detto che non bevo più stasera.”
“Bevilo e basta!”
“No grazie, ti ho già detto che non bevo più stasera.”
“Ok. Lascia perdere.”

Accondiscendi, ma non ti arrendere

Questa tecnica consiste nel confermare ciò che l’altra persona sta dicendo, ma mantenere la tua decisione.

“Ti ho preso uno shot, hai bisogni di bere.”
“No grazie, non bevo più stasera.”
“Dai non essere noioso.”
“Hai ragione, sono noioso, ma non bevo più stasera.”
“Ti ho preso questo shot. Devi berlo. Sarebbe scortese rifiutare.”
“Eh già, sarei scortese a non bere il tuo drink, ma non ho comunque voglia di farlo.”
“Non sei divertente. Stai rovinando la serata.”
“Non sono divertente. Deve fare proprio schifo uscire con me, ma stasera non bevo più.”
“Che ti costa berne uno solo? Non sapevo fossi così attento alla tua salute.”
“Sono un fanatico della salute.”

Una tattica bonus consiste nel formulare le tue risposte in modo divertente. Non sempre funziona, ma se riesci a strappare una risata alla persona che ti sta tormentando, questo ridurrà la tensione e ti aiuterà a liberarti dallo scocciatore.

Queste tecniche funzionano anche se stai chiedendo qualcosa a qualcuno. Di ciò che vuoi e poi ripetilo all’infinito se l’altra persona apre una discussione. Questo non ti garantirà di ottenere ciò che chiedi, ma almeno fai capire che non ti arrendi facilmente.

Cerca di avere un piano per i casi estremi

Se qualcuno continua ad insistere allora hai bisogno di dare un altro tipo di risposta. Se davvero ti manca di rispetto, magari la scelta migliore è quella di andarsene o fargli notare che ha esagerato. Se hai amici che continuamente ti mettono i piedi in testa nonostante tu abbia loro ripetutamente detto di smetterla, allora la miglior soluzione è probabilmente troncare l’amicizia. A volte le persone trattano male i propri amici perché danno per scontato che li continueranno a frequentare nonostante tutto.

La maggior parte delle persone esagera all’inizio

Le persone che provano ad essere assertive per la prima volta tendono a farsi rispettare in modo esagerato. A volte provano ad essere assertivi in momenti inappropriati. Ad esempio fanno una scenata con qualcuno che si è sbagliato a mettersi in fila. Per alcune persone l’abilità di farsi valere è come un gioco nuovo con cui giocare il più possibile. Altre persone esagerano perché hanno provato così tanto risentimento in passato da sfogare tutta la propria rabbia repressa sul primo sconosciuto che capita.

La gente non ti prenderà sul serio all’inizio

Se i tuoi amici, familiari e colleghi sono abituati a manipolarti, potrebbero non apprezzare il fatto che tu cominci a far valere i tuoi diritti. Potrebbero farti notare il fatto che sei diventato egoista o scortese. Questo non vuol dire che siano meschini e preferiscano quando tu sei docile e accondiscendente, ma a volte le persone rimangono spiazzate di fronte al cambiamento e cercano di ricondurti verso il comportamento che si aspettano da te. In generale però, la maggior parte delle persone ti rispetterà di più quando avrai fatto loro capire che sei pronto a farti valere. Se a causa di ciò perderai alcuni amici poco rispettosi, in realtà non è poi una gran perdita.

Firma Marco Lombardo

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.7/5 (3 votes cast)
Fatti valere grazie agli esercizi di assertività (parte 2), 4.7 out of 5 based on 3 ratings

4 thoughts on “Fatti valere grazie agli esercizi di assertività (parte 2)

  1. come faccio a non dire le bugie altri persone e ai miei genitori o non dire le parolacce cosa devo fare lo dicono anche altre persone

  2. Bell’articolo … a dire il vero l’ho sempre pensato, ma l’educazione che mi è stata impartita è esattamente l’opposto dell’essere assertivi 🙁 dunque è difficile da mettere in pratica, ma ce la devo fare (in realtà già lo faccio ma mi sembra che non sia sufficiente!)

  3. difficile essere assertivi in un paese come questo!!! Prendiamo da esempio paesi più civili che educano le persone ad esserlo un po' di più: noi su questo siamo trogloditi.

Rispondi