Il segreto dell’approccio perfetto

Il segreto dell'approccio perfetto

Hai imparato come gestire tutte le tue ansie e a liberarti da tutto quello che ti fermava dal fare nuove amicizie. Adesso è necessario comprendere come approcciare la gente senza sembrare troppo aggressivi. Infatti, durante la fase dell’approccio, esiste il rischio che, presentandoti dal nulla, tu possa risultare un po’ inquietante e spaventare chi ti sta di fronte.

Questo articolo spiega esattamente come andare da gente sconosciuta e fare un approccio perfetto.

1- Impara a parlare con persone che non conosci

Avere spirito di iniziativa quando si approcciano estranei può essere utilissimo per partire col piede giusto. Tuttavia, partire a razzo senza un minimo di attenzione è il modo migliore per farsi malissimo! Lascia da parte le tue aspettative, il tuo ego, le tue paure e tutto ciò che ti impedirebbe di avere una conversazione costruttiva.

Impara a concentrarti sugli altri in modo da soffocare il tuo dialogo interiore negativo e non perderti spunti interessanti di conversazione.

2- Diventa un buon conversatore

Lunghi silenzi possono essere imbarazzanti per gli altri. Così come blaterare di continuo su tua madre, il gatto, la collezione di farfalle o quel maledetto personaggio di D&D che piace solo a te.

Un buon conversatore trova argomenti condivisi e lo fa in modo spontaneo. Ad esempio c’è una bella differenza tra chiedere a qualcuno “Hai mai toccato una tarantola?” e “Hai mai sentito i piedini pizzicanti di una tarantola che ti cammina sul palmo della mano?“. La seconda domanda è sicuramente più poetica,  ma  se a quella persona facessero schifo i ragni o non volesse saperne nulla?

Un altro esempio è il classico problema WoW: “Ho un orco di livello 75, ho questo livello di aggro, poi ho fatto tutte le quest, e ho questo item che vedessi… e il personaggio l’ho fatto così perché… e poi ci sono gli elfi, e poi ci sono i draghi, poi c’è il panda, poi c’è il buff da+35% res al fuoco…” L’impressione che dai è quella di essere così preso dal gioco che non te ne frega nulla del resto del mondo.

Impara a iniziare una conversazione e conducila in modo divertente, positivo e rilassato.

3- Non essere bisognoso

La necessità è precursore dell’ossessione, e l’ossessione è spaventosa. Le persone bisognose sono poco equilibrate e instabili dal momento che la loro felicità si basa troppo sugli altri.

Se proietti una forte sensazione di bisogno dell’amicizia della persona che ti sta di fronte, è tempo di fermarsi, prendere fiato e fare un esame di coscienza.

4- Rispetta i limiti

Pensa ad una qualsiasi relazione come un videogioco. Cominci a livello uno e mano a mano raggiungi livelli più difficili. Quando incontri una nuova persona sei a livello uno, e non puoi andare a livello due fino a che non hai completato il livello precedente. Le persone si spaventano se di colpo passi a livello 15!

Chi tende a spaventare gli sconosciuti di solito fa queste cose:

Fissare

Il contatto visivo costante e diretto è ciò che fanno gli innamorati. Guarda qualcuno negli occhi mentre parli, ma anche discostali di tanto in tanto e sposta la tua attenzione su altre cose. Assicurati di non avere la tendenza a fissare parti del corpo degli altri, anche solo per ammirazione o curiosità. In genere è preferibile non far sentire gli altri sotto esame radioscopico!

Fare domande troppo personali

Cosa è troppo personale? Dipende. La miglior cosa è fare attenzione alle conversazioni altrui. Scopri di cosa la gente discute prima di tirare fuori argomenti delicati.

Quando conosci gente nuova è sempre bene evitare i seguenti argomenti:

  • soldi
  • politica
  • religione
  • malattie
  • atti di violenza
  • morte
  • problemi di ogni tipo

È meglio non raccontare subito come il filo della vostra katana sia in grado di decapitare tre uomini in un colpo solo.

Fare inviti inappropriati

Non invitare qualcuno che hai appena incontrato in casa o in luoghi privati o isolati. Questo tipo di inviti prevede un certo grado di fiducia, e di certo non ne ha chi ti ha appena conosciuto.

Se vuoi proporre inviti va benissimo, ma che siano in luoghi pubblici o durante eventi di un certo tipo (concerti, feste pubbliche, sagre e cose del genere).

5- Fai attenzione al linguaggio del corpo

Ciò che è inquietante per qualcuno potrebbe essere affascinante per altri. Uno dei modi per capirlo è andare cauti, leggendo di volta in volta il linguaggio del corpo del nostro interlocutore, per vedere se quella persona si fida abbastanza da proseguire al livello successivo, o se la stai mettendo a disagio.

Ad esempio se qualcuno non ti guarda mai negli occhi, o cerca le uscite con lo sguardo, o sembra distanziarsi o voltarsi, è probabilmente un segno che voglia terminare la discussione. Ci vuole un minimo di pratica, ma con un po’ di esercizio diventa spontaneo capire questi segnali.

Inoltre puoi spaventare le altre persone col tuo stesso linguaggio corporeo, quindi sii certo di sapere come sembrare sempre amichevole.

6- Non ti curar di loro, ma guarda e passa…

A prescindere da quanto abilmente approcci gli altri, alcune persone non avranno la reazione che speri. Può essere che sei incappato in una persona triste, nervosa, solitaria o semplicemente maleducata. Se ciò dovesse accadere, non ti preoccupare, ma saluta con garbo e prosegui per la tua strada.

7- Affrontare il rifiuto cronico

Se nonostante i tuoi migliori intenti non riesci ad approcciare con successo le persone e vedi che ciò che ottieni sono solo rifiuti, ci sono due possibilità:

  • non stai applicando bene quel che finora è stato detto (in questo e altri articoli)
  • c’è qualcosa di te che spaventa la gente e non ne sei consapevole

Potrebbe essere qualcosa che non vedi come strano, che per te è usuale, ma non lo è per il resto del mondo. Ad esempio non puoi aspettarti di andare in un gruppo di preti con la t-shirt degli Infernalia, tremila piercing, il tatuaggio di un demonio e pretendere di fare grande amicizia.

Potrebbe essere utile chiedere a qualcuno se ci siano delle caratteristiche di te che possano spaventare gli altri.

Consigli

Evita di essere troppo freddo. Il cinema e la televisione esaltano individui indifferenti, misteriosi e calmi. Nel mondo reale questo tipo di personaggi viene percepito come spaventoso. Batman e il Joker sono socialmente dei disadattati. Sembrano fighi, ma prova a fare come loro e vedrai che risultati…

Non pensare che tutto dipenda esclusivamente da come appari e ti vesti. Se cambi il modo in cui ti comporti, il modo in cui appari sarà secondario. Tuttavia la prima volta che incontri qualcuno non sarà molto d’aiuto il fatto di non esserti lavato da due settimane o agghindarsi come un lottatore di Wrestling messicano.

Firma Marco Lombardo

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.7/5 (6 votes cast)
Il segreto dell'approccio perfetto, 4.7 out of 5 based on 6 ratings

3 thoughts on “Il segreto dell’approccio perfetto

Rispondi